Il nostro futuro è…nelle stelle? – Cassia Blog

Il nostro futuro è…nelle stelle?

Il nostro futuro è…nelle stelle?

NON E’ UN VOTO DI PROTESTA MA UN VOTO DI SPERANZA

Dopo aver subito le angherie, la prosopopea di indegni rappresentanti dell’ Italico stivale, finalmente i soporiferi Italiani si sono svegliati stanchi di una classe dirigente maleodorante e marcia.

Hanno votato non per il cambiamento ma per la speranza che il nuovo insediamento (M5S), dia quelle risposte che invano sono state disattese dal clan Renziano.

Tutti sanno che Roma è pressoché crollata sotto i colpi del “Maglio”,della corruzione e del malaffare, riducendo la città eterna in un letamaio.

Oggi conosciamo nomi e cognomi di chi ha ridotto cosi questa città ed è stato giusto che la popolazione li abbia allontanati dalla vita politica .. nella speranza che non tornino mai più.

Io stesso avendo anche idee diverse, ho votato la speranza, affinché questa nuova gestione, contribuisca insieme a tutti noi, a riportare Roma alla grandezza che le compete, perché Roma è Città del mondo e non di pochi manutengoli, affaristi senza scrupoli.

La quasi totalità dei municipi Romani, sono appannaggio del M5S, e l’importanza di tali sedi sono fondamentali, affinché la presenza politica sul territorio sia capillare nel contatto con i Cittadini che hanno così la possibilità di confrontarsi e collaborare.

In particolare il XV Municipio che sarà a conduzione del M5S, Presidente Stefano Simonelli, non dovrà commettere l’errore della uscente gestione, che ha dato poco ascolto alle segnalazioni dei cittadini.

Un mio particolare saluto va al Dott. Torquati, che probabilmente ha fatto poco di sua iniziativa, ma ha seguito la linea fallimentare del partito.

Credo che questa esperienza possa servirgli per il futuro.

PAX ET BENE

Aldo Agliata

 

1 Comment

  1. marcello comitini ha detto:

    Non so se il nostro futuro è nelle stelle. Io mi auguro che sia nelle nostre mani, nelle nostre e non in quelle di altri. Sino ad adesso le nostre mani si sono levate in alto e sono rimaste vuote e inascoltate. Ma sono anche rimaste pulite (le sole) perché sono le mani di chi non detiene il potere. Adesso la domanda è: le mani di chi detiene il potere saranno mai capaci di restare pulite?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *